Modifica del servo Hitec HS-55

di Roberto Vicentini

Questa guida l’ho ripresa da un sito in lingua inglese e la ripropongo con qualche miglioria.
Permette la modofica di un servocomando HS-55 in modo tale da permettere la rotazione continua.
Ottimo per fare piccoli robot.

Veniamo al dunque gli utensili necessari:

  • Taglia balsa
  • Pinza a becchi storti da modellismo
  • Giravite a croce da orologiaio (x le viti del fondello del servo)
  • Tronchesino
  • Saldatore a stagno
  • Due resistenze SMD da 3,3k (per chi non potesse reperirle metto le foto originali per l’assemblaggio di quelle da ¼ di watt)

Foto utensili:

Utensili

Utensili

Servo aperto:

Servocomando smontato

Servocomando smontato

Cominciamo con lo smontaggio dei vari ingranaggi (ricordare la  posizione per un corretto rimontaggio)

Ingranaggi

Ingranaggi

Particolare

Particolare

Ora passiamo alle varie modifiche per rendere il nostro servo adatto all’uso come motoriduttore.

Iniziamo prendendo la parte superiore del servo, all’interno da dove esce il perno troviamo un piccolo fermo in plastica questo va rimosso per permettere il giro di 360 gradi.

rimozione perno

rimozione perno

Fatto questo estraiamo il potenziometro da 5k e dissaldiamo i 3 fili che lo collegano al circuito ( in questa immagine si vede anche la saldatura delle 2 resistenze)

Resistenze SMD

Resistenze SMD

Per chi non avesse le resistenze smd metto le foto per quelle da ¼ di watt

Resistenze

Resistenze

Resistenze saldate

Resistenze saldate

Ora passiamo alla parte più delicata della modifica e cioè la lavorazione del potenziometro.
Prima di tutto eliminiamo i 3 reofori, poi, togliamo la linguetta di rame (freccia rossa) che tiene unito il perno al case del potenziometro

Potenziometro 1

Potenziometro 1

Estraiamo il perno, all’interno ci sono due fermi li dobbiamo togliere con l’ausilio del taglierino,
questo va fatto per permettere al perno la rotazione continua, le frecce rosse indicano la posizione.

Potenziometro 2

Potenziometro 2

Le due frecce gialle indicano i pattini del potenziometro che noi andremo a togliere con il tronchesino

Ora fatto questo inseriamo il perno al suo posto, mettendo un pò di grasso da servi, fissiamo il tutto con la linguetta di rame tolta prima e inseriamo ex potenziometro nel suo alloggio fissandolo con la vitina.
Adesso è il momento di rimettere gli ingranaggi al suo posto, raccomando la precisa disposizione originaria, aggiungendo un po’grasso, non molto.
Richiudiamo il nostro servo e adesso siamo pronti per l’utilizzo nei nostri mini robot.

Risultato finale

Risultato finale

E’ tratto da http://teamur.netfirms.com/how_to/servo_hack.htm

3 responses to Modifica del servo Hitec HS-55


  1. Pingback: Boooh . . mo lo chiamo Coccobil - BaroneRosso.it - Forum Modellismo

  2. Ricci Nicola

    Ho seguito le istruzioni con successo. Grazie. Poi sono ripartito con un nuovo servocomando identico ed ho seguito una via più semplice. Non ho rimosso il potenziometro, ma ho soltanto tagliato i tre fili. Poi ho forato con una punta da 1,5 mm l’ingranaggio finale (che si accoppia in modo fisso con l’asse del potenziometro per mezzo di una tacca e di una corrispondente indentatura). In questo modo il potenziometro inattivato funge solo da sostegno per l’asse di rotazione libera dell’ingranaggio finale, oltre che del sottostante ingranaggio intermedio. A parte la semplificazione, questa modifica consentirebbe ulteriori modifiche sulla scatola degli ingranaggi per sfruttare rapporti diversi di motoriduzione, utilizzando gli ingranaggi dell’asse centrale. Se ci riesco …
    Un ulteriore dettaglio elettrico: attraverso una incisione della parete, sotto al coperchio, ho portato fuori dalla “scatola blu” i tre fili che dal circuito portavano al potenziometro. Così ho potuto eseguire senza timori la saldatura delle resistenze. Saranno in vista ed aumenteranno lievemente l’ingombro.

  3. Pingback: Costruire un inseguitore solare con Arduino | WebInGenerale

Rispondi